email: traregoviggiona@tiscali.it
email PEC: comunetraregoviggiona.vb@legalmail.it
Ti trovi in: home page --> Comune
Il Comune | Notizie | Bandi e concorsi | Tributi | Modulistica | Amministrazione Trasparente | Area Turistica
Trarego Viggiona
  • Consiglio Comunale
  • Giunta Comunale
  • Orario Uffici Comunali

  • Info e Numeri Utili
  • Questo comune è costituito da tre villaggi di origine rurale che si trovano immersi nel verde sulle pendici del monte Carza (1.116 m. s.l.m.), con un invidiabile panorama dall'alto sul Lago Maggiore: Trarego, Viggiona e Cheglio. I lussureggianti boschi che li circondano si possono percorrere grazie ai sentieri, numerosi e ben curati, che consentono di scoprire un antico mondo fatto di "ronchi", "monti" e "alpi". Il "ronco" è il terrazzamento a sud dei villaggi dove, beneficiando del clima mite, si coltivava il vigneto e si pascolava il bestiame durante l'inverno. I "monti" sono delle cascine in pietra che si trovano nelle radure erbose sopra i villaggi, destinate a ospitare il bestiame durante la primavera e l'autunno. Gli "alpi" o alpeggi, sono invece i luoghi dove veniva trasferito il bestiame durante la stagione estiva, vale a dire in alta montagna, sopra il limite dei boschi, laddove si poteva sfruttare l'erba delle brughiere. Anche se oggi molti di questi edifici rurali sono stati trasformati in graziose case di villeggiatura, rimane l'opportunità di riscoprire un mondo agro-pastorale che ha saputo fondersi con sapienza e armonia all'ambiente montano, conservatosi intatto.

    Interessante, comunque, risulta anche la visita a ciascuno dei tre piccoli villaggi. Nell'ampia conca morenica in cui si trova Trarego, sono conservati diversi edifici di archeologia industriale, come i mulini per la macina dei cereali, la latteria sociale e una primitiva centrale idroelettrica che agli inizi del sec. XX produceva l'energia necessaria per illuminare le strade del paese e le abitazioni private.

    A Viggiona merita una visita la "Chiesa Vecchia", edificio romanico dichiarato monumento nazionale, collegata alla nuova parrocchiale barocca tramite una Via Crucis realizzata negli anni Sessanta dagli studenti dell'Accademia d'Arte di Stoccarda. Nel minuscolo villaggio di Cheglio, invece, ci si può immergere nella suggestiva atmosfera di un antico borgo rurale, con i suoi caratteristici vicoli stretti tra le abitazioni in pietra.